“One 4 Leather”: l’industria conciaria nobilita degli scarti

 
 
 

Proseguono le iniziative proposte da “One 4 Leather”, il progetto voluto dai principali attori del settore pelle europei per informare sul suo stato dell’arte.

In questi giorni gli aggiornamenti sono focalizzati su un tema tra i più discussi riguardanti la pelle, cioè che l’allevamento di bestiame dipende solo ed esclusivamente dalla richiesta di prodotti alimentari come carne e latticini. Un fattore del tutto indipendente dalla richiesta di materia prima dell’industria conciaria.

Dati alla mano, si vuole cercare di rispondere a chi, per sentito dire o per convinzione, purtroppo sostiene argomenti poco vicini alla realtà.

La realtà? In una sola frase: ciò che non serve all’industria alimentare sarebbe destinato alla discarica, ed invece può diventare la tua nuova borsa o il tuo nuovo portafogli.

Per capire meglio la portata del fenomeno, parliamo di circa un miliardo di pelli lavorate, una superficie paragonabile al Lussemburgo che prende la strada della rivalutazione anziché di quella della discarica.

Speriamo che con il passare del tempo cresca la consapevolezza su questi argomenti, e certe false notizie vengano progressivamente superate dalla realtà.

Ne parliamo spesso in Dani, ne parlano tutti i più importanti attori del settore.

Subscribe now
to the newsletter


For Previews
News / Events
Shows

Cart Item Removed. Undo
  • No products in the cart.