Prendersi cura dell’ambiente: i nostri risultati

Prendersi cura dell’ambiente è uno degli obiettivi principali della sostenibilità. Parliamo di risultati della salvaguardia dell’ambiente, questo significa promuovere all’interno dell’azienda iniziative per riuscire a diminuire il consumo di risorse, contenendo le emissioni, e impegnarsi nel riciclo costante di tutto ciò che si presta a diventare qualcosa di utile.

Dani crede in questi principi da anni, infatti all’interno della definizione sustainable leather la salvaguardia dell’ambiente è uno degli aspetti principali.

Il primo passaggio di questo percorso è stata una profonda analisi dei processi per catalogare tutte le materie prime acquistate, i loro usi e quindi le emissioni create lungo il ciclo produttivo. Da qui si è passati agli interventi sulle macchine e sui processi, con l’intento di ridurre gli impatti ovunque possibile.

Il processo di aggiornamento dei meccanismi di produzione, l’educazione alla riduzione degli sprechi, il disegno di processi ottimizzati sono stati un grande sfida che ha portato a cambiare completamente l’azienda.

Questo cambiamento è stato raccontato nel corso degli anni, abbiamo dedicato attenzioni ai traguardi raggiunti nel percorso di crescita e alle certificazioni; la credibilità stessa dell’azienda nel mondo dell’industria conciaria è un biglietto da visita di sicuro valore.

I dati, i risultati numerici, sono stati meno presenti, forse perché la parte più tecnica e meno immediata del racconto. Per questo ci piacerebbe passare in rassegna proprio alcuni di questi risultati, leggendoli come una fotografia oggettiva di quanto fatto fino ad ora. Ecco un piccolo riassunto dei risultati verso la salvaguardia dell’ambiente:

ACQUA

L’attuale certificazione Blue Angel descrive la scala di utilizzo di metri cubi d’acqua per tonnellata di materiale grezzo.

Dani si pone nella parte virtuosa della scala, con 22 mq medi. 25 è il livello di accesso alla certificazione.

L’acqua viene poi trattata da un sistema idrico integrato (Acque del Chiampo) del distretto di Arzignano, che è in grado di filtrare il 99% degli inquinanti rilasciati durante il processo.

ELETTRICITÀ

Tutta l’energia necessaria all’azienda è acquistata da fonti rinnovabili, con un’attenta selezione dei fornitori.

EMISSIONI IN ATMOSFERA

Dani si pone ad un livello di circa 5 volte inferiore ai limiti suggeriti dalla legislazione europea, 14 g/mq su un limite di 75.

RECUPERO SCARTI DI LAVORAZIONE

12000 tonnellate di carniccio e 3000 tonnellate di rasature diventano a loro volta materia prima, così come 206 tonnellate di grasso ricavato dalla pulizia dalle pelli grezze.

I principali usi sono fertilizzanti e biostimolanti per l’agricoltura e oli industriali per lavorazioni meccaniche.

RICICLAGGIO

Il sistema di riciclaggio dei rifiuti permette di selezionare circa il 90% dei rifiuti, oltre 6000 tonnellate contro circa 680 destinate alla discarica.

Iscriviti ora
alla nostra newsletter


Per Previews
News / Events
Shows

Cart Item Removed. Undo
  • No products in the cart.