Create to Change: una partnership sostenibile tra Dani e Montblanc

La maison di lusso compensa le emissioni del 2020 con il sostegno ad un progetto green in Guatemala

Non si arresta la vocazione alla sostenibilità e tracciabilità di Dani spa, l’azienda multinazionale vicentina tra i principali player per la lavorazione delle pelli nel mondo. Da sempre antesignana del rispetto dell’ambiente e dell’intera filiera del ciclo produttivo, Dani Group inaugura con Montblanc, la maison del lusso del gruppo Richemont, il nuovo progetto Create to change.

Montblanc, nota nel mondo per la pelletteria di lusso, l’alta qualità delle penne, degli orologi e dei dispositivi smart wearable ha scelto per prima di sostenere Create to Change, la nuova soluzione sviluppata da Dani per la compensazione delle emissioni in risposta al Protocollo di Kyoto, per affrontare la tematica del cambiamento climatico da una posizione di leadership, per realizzare un futuro completamente sostenibile. Montblanc compenserà così 200 tonnellate di Co2, relative alla produzione nell’anno 2020, trasformando un collaudato sodalizio commerciale in una partnership per la difesa dei valori condivisi di sostenibilità ambientale.

Create to Change prende avvio dalla tracciabilità, che consente di conoscere il reale impatto di ogni prodotto. “Si chiama Life Cycle Assessment System” commenta Giancarlo Dani, Presidente e CEO del Gruppo, “il nostro sistema che permette di valutare l’impatto ambientale di un prodotto considerando l’intero ciclo di vita della pelle, dall’origine alla destinazione, senza fermarsi ai soli processi intermedi di produzione e trasformazione che avvengono all’interno della conceria. Dani è stata la prima conceria al mondo che nel 2011 ha visto certificare il proprio sistema di LCA con un Environmental Product Declaration (EPD), un documento che ci ha riconosciuti come pionieri nella trasparenza e nella correttezza delle informazioni legate all’impatto ambientale dei propri prodotti. Create to Change è un’evoluzione: ai nostri clienti, e in primis a Montblanc, offriamo un pacchetto completo che insieme alle migliori pelli made in Italy assicura anche la compensazione delle emissioni prodotte per realizzarle”.

Ma quanto impatta realmente nell’ambiente la pelle? Per un metro quadro di pelle Dani le emissioni di CO2 sono dovute per il 10% ai processi di concia e per il 90% agli altri momenti di vita del prodotto come allevamento, packaging o trasporto.

“Il progetto Create to Change ci permette di avere un impatto reale e misurabile del nostro impegno per offrire prodotti più sostenibili e con un’attenzione maggiore all’ambiente ai nostri clienti che si rivolgono a Montblanc per l’eccellenza nell’artigianato, nei materiali, nel design, ma anche nella sostenibilità. Siamo orgogliosi di avviare questa iniziativa così importante: il progetto di offsetting sviluppato da Dani ci aiuterà a compensare il 100% del ciclo di vita delle pelli lavorate, con l’obiettivo comune di ridurre progressivamente le emissioni attraverso nuovi modelli organizzativi, processi di innovazione, ricerca e sviluppo” dichiara Nicolas Baretzki, CEO Montblanc.

La compensazione si attiene al Clean Development Mechanism (CDM), il meccanismo previsto dal Protocollo di Kyoto che permette alle aziende di compensare le proprie emissioni acquistando dei crediti destinati a finanziare progetti di crescita sostenibile in paesi in via di sviluppo. L’accesso a questi progetti avviene grazie alla Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) che consente l’acquisto di crediti chiamati CERs (Certified Emission Reduction). Un credito equivale ad una tonnellata di CO2 non emessa o assorbita. L’acquisto dei crediti permette di dare un contributo a posteriori allo sviluppo sostenibile ed in questo caso al progetto che Montblanc ha deciso di finanziare in Guatemala, il San Antonio El Sitio Wind Power Project.

Iscriviti ora
alla nostra newsletter


Per Previews
News / Events
Shows

Cart
  • No products in the cart.